Hemingway aveva torto!

Mi riferisco alla sua opera più conosciuta “il vecchio e il mare” quando, parlando del protagonista, Santiago, scrive:

Primera playa del sardinero - Santander

Primera playa del sardinero – Santander

Non lo disse ad alta voce perché sapeva che a dirle, le cose belle non succedono

Nulla di più falso!
Perchè? Presto detto.

In generale sono una persona che ama condividere tutto, a volte trascinato dall’entusiasmo del momento, in quanto credo, parafrasando un detto scandinavo, che una gioia condivisa è una gioia raddoppiata e un dolore condiviso è un dolore dimezzato. Spesso, nel passato, quindi, mi è capitato di condividere momenti importanti, o notizie favolose ancor prima che le fondamenta fossero solide, così mi ritrovavo ogni volta con un pugno di mosche tra le mani.

Ma non questa volta.

Questa volta è accaduto un cambio di prospettiva radicale, grazie a persone speciali, grazie alle quali ho capito, in modo forte, che nel fare le cose che amiamo, da soli, c’è una certa forma di energia meravigliosa che si sviluppa, ma nel farle assieme, beh…… WOW! Sono fuochi d’artificio!

Inoltre se rimaniamo in uno stato di apertura non giudicante, nei confronti della Vita, le diamo l’opportunità di sviluppare tutto ciò di cui abbiamo bisogno, o che desideriamo, con i Suoi tempi. Ovviamente, in relazione a ciò, bisogna stare attenti a come si desiderano le cose, perché si avverano, sempre…e spesso non ce ne accorgiamo, non avendo l’opportunità di sviluppare così, una meravigliosa forma di Gratitudine.

In conclusione cosa mai è successo?

Tempo fa si era palesato un progetto importante, al limite dell’impresa sportiva, in collaborazione con una ONLUS altrettanto importante, e ancor prima delle conferme finali, avevo cominciato a smuovere le acque, per cercare aiuto logistico e non. Per ragioni a me sconosciute tutto si è improvvisamente impantanato…..

Passa un certo tempo e questo fine settimana, durante l’ultima lezione di Coach ci viene chiesto di condividere una vittoria, una conquista che abbiamo ottenuto, durante il tempo trascorso dall’ultima lezione. Con il mio solito modo leggero e innocente condivido una piccola conquista nella corsa. Una studente a me cara alza la mano e mi dice, in parole povere: “ti andrebbe di correre a Milano, in rappresentanza della ONLUS per la quale collaboro??” Dire che ero basito, è poco. Un regalo meraviglioso, una notizia stupenda che, indipendentemente da come si svilupperà (e le prospettive sembrano comunque essere luminose), mi ha dato una spinta ed una carica indescrivibile, un’onda di emozioni che ancora sto cavalcando. Tanto che………..spinto da questi eventi, ho deciso che il 15 giugno parto per un esperienza che non vedo ora di condividere.

Domani proseguono i contatti e cercheremo di capire i dettagli, ma, ripeto, indipendentemente da come andrà, ora sono certo….

Hemingway aveva torto marcio!!
…..e voi cosa ne pensate?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s