Meditation time

(ITA)

Non c’è una tappa zero, o prima tappa. Semplicemente…la successiva.

Per la tappa, appunto, successiva, di questo peregrinare alla scoperta di me stesso e alla ricerca di storie da ascoltare, ho optato per una soluzione più riflessiva, meditativa. Così sono tornato in un contesto molto speciale, a 20 Km. da Rosignano (prov. di Livorno).

Un luogo che chiamo (anche questo) “casa”.

Un luogo di silenzio, di pace, un vero e proprio angolo di Tibet, circondato dalle meravigliose colline toscane.

Negli anni 70 una famiglia dona il loro podere ad un Lama che, grazie al lavoro di volontari viene trasformato così in uno tra i più importanti centri, a livello europeo, per la preservazione di quel ramo della filosofia buddhista che viene chiamata Mahayana (in parole povere si ragiona sul fatto che la nostra felicità passa solo ed esclusivamente attraverso la felicità degli altri, dando quindi a loro la priorità e la nostra più totale attenzione)

Quando torno qui, ho possibilità di ritrovare un pò di equilibrio, ho possibilità di ascoltare il silenzio, di lasciar la mente fluire, e quindi di riprendere contatto con la parte divina che risiede in ognuno di noi. In particolare ho anche bisogno di cominciare a creare una certa progettualità per il futuro, e soprattutto, dopo un difficile ritorno in terra Italiana, a ritrovare quella parte di me stesso con la quale avevo ottimi rapporti, durante la mia esperienza iberica.

Nel momento stesso in cui si lascia fluire il corso di eventi, restando con una mente aperta, in accoglienza e non giudicante, si ha inoltre la possibilità di vivere vere e proprie magie.

Mi spiego meglio: per un evento importante qui all’Istituto, sono arrivate persone da tutta Europa. Nel dialogare con alcune di esse ho capito di avere molte opportunità in posti che nemmeno avrei immaginato. Queste magie accadono anche semplicemente prendendo un tea: arriva questa cara persona che non vedevo da molto tempo, e con la più totale innocenza scopriamo che per l’inverno ci sono ottime possibilità di condividere gli stessi programmi, che a loro volta aprono nuove prospettive e così via, come le ramificazioni di un albero.

Ieri avevo bisogno di staccare un pò da tutto e da tutti, così mi sono andato ad infilare in un mio segretissimo angolino nascosto, tra i vigneti, solo per poter ascoltare il cielo e guardare il silenzio.

Accade allora che il respiro rallenta, la consapevolezza dello spazio circostante aumenta, e solo allora nasce quel sorriso che sorge dal cuore , che ti fa sentire in profonda connessione con l’ambiente circostante e la Natura.

Solo allora si può Ascoltare.

Solo allora si trova la consapevolezza di quale sarà il passo successivo.

(ENG)

There is no zero step or first step. Simply … the next.

For this step of peregrinating to the discovery of myself and the search for stories to listen to, I opted for a more reflexive, meditative solution. So I returned to a very special setting, 20 Km from Rosignano (Prov. Of Livorno).

A place I call (also this) “home”.

A place of silence, peace, a true corner of Tibet, surrounded by the wonderful Tuscan hills.

In the 1970s, a family gave their farm to a Lama who, thanks to the work of volunteers, became one of the most important centers of all Europe for the preservation of that branch of Buddhist philosophy called Mahayana (simply think that our happiness passes only and exclusively through the happiness of others, giving them their priority and our greatest attention).

When I come back here, I have the opportunity to find some balance, have the opportunity to listen to silence, to let my mind flow, and then to get back to the divine part that resides in each of us. In particular, I also need to start creating some planning for the future, and above all, after a difficult return to the Italian land, to find that part of myself with which I had great relationships during my Iberian experience.

At the same time that the course of events is left to flow, with an open, welcoming and non-judgmental mind, there is also the chance to live true magic.

Let me explain better: for an important event here at the Institute, people from all over Europe have arrived. In conversation with some of them I realized that I had many opportunities in places that I would not have imagined. These is also happen by simply taking a tea: this dear person who I have not seen for a long time comes, and with the utmost innocence we discover that for the winter there are great opportunities to share the same programs, which in turn open new perspectives and so on, like the ramifications of a tree.

Yesterday I needed to away from it everything and everybody, so I went into a mysterious hidden corner, in the vineyards, just only to hear the sky and watch the silence.

It happens then that the breath slows down, the awareness of the surrounding space increases, and only then does that smile come from the heart, which makes you feel in deep connection with the surrounding environment and Nature.

Then you can Listen.

Then is the awareness of what will be the next step.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s